9 ottimi inizi di sessione di coaching e 2 proprio pessimi

Come si inizia una sessione di coaching? Di solito è il coach che inizia la conversazione con una domanda o un invito alla direzione che la conversazione potrebbe prendere. Nella nostra SF Masterclass, abbiamo raccolto alcuni inizi e abbiamo pensato di condividerli con voi.

  1. “Come vorresti iniziare la sessione, vorresti ricapitolare cosa è successo dall’ultima volta che abbiamo parlato o vorresti saltare subito in un argomento?” Questo è il “percorso di scelta” – il coach offre al cliente un’opzione su come vorrebbe iniziare la sessione.
  2. “Come vorresti iniziare la nostra sessione oggi?” Per i clienti che hanno familiarità con le sessioni di coaching, questo potrebbe essere un buon modo per iniziare il “percorso di collaborazione”.
  3. “Che tipo di coach vorresti che fossi oggi? / Che tipo di coaching vorresti avere oggi?”. Potremmo chiamare questo il “percorso di servizio”. Il cliente può scegliere di cosa ha bisogno: un partner, uno sfidante, un ascoltatore….
  4. “Di cosa sei consapevole in questo momento? / Cosa si agita nel tuo cuore e nella tua mente in questo momento?”. Forse potremmo chiamarlo “il sentiero della consapevolezza”? Una domanda per creare una pausa di riflessione.
  5. “Quale argomento vorresti esplorare?” Il “percorso di esplorazione” — il presupposto è che il cliente ha un argomento e che lui/lei vorrebbe esplorarlo (e non “risolvere”, “raggiungere” ecc.). È un’esplorazione molto ampia che lascia molta scelta sulla direzione del coaching al cliente.
  6. “Come può questa sessione servire la tua grandezza?” Ci sono molti presupposti in questa domanda: il cliente è grande, servire la grandezza è qualcosa di attraente, la sessione può servire la grandezza ecc. Da una prospettiva Solution Focused ci sono un pò troppe presupposizioni (dato che aspiriamo ad averne il meno possibile). Da una prospettiva generale di coaching, si potrebbe chiamare questo “il percorso dell’ambizione” – usando parole come “grandezza”, il coach sta invitando il cliente a sognare / pensare / immaginare ciò che vuole in termini più audaci.
  7. “Qual è il cambiamento che vuoi nella tua vita?” Anche questa domanda ha dei presupposti: che il cliente voglia cambiare qualcosa nella sua vita. Tuttavia, questo è abbastanza ragionevole, poiché molto probabilmente le persone che si impegnano nel coaching vogliono cambiare qualcosa. Aggiungendo “nella tua vita” il coach sta anche invitando il cliente a pensare in termini più ampi e non semplicemente ad una questione. Chiamiamo questo il “percorso del cambiamento”.
  8. “Cosa vorresti ottenere?”. La domanda rende chiaro che è il cliente che vorrebbe raggiungere qualcosa e il cliente che fa il raggiungimento (non il coach). Potremmo chiamare questo “il percorso della responsabilità”. Il cliente è invitato a pensare al suo desiderio di raggiungere qualcosa.
  9. “Quali sono le tue migliori speranze da questa sessione?” La classica domanda focalizzata sulla soluzione – “il percorso del futuro”. Il cliente è invitato a pensare a cosa la seduta dovrebbe portare nella sua vita. Devo ammettere che questo mi piace ancora molto”.
  10. “Cosa ostacola la tua grandezza in questo momento”? Questo è il mio secondo meno preferito. Presume che ci sia un ostacolo, che per raggiungere la “grandezza” il cliente deve superare qualcosa. È orientata al passato, al problema e invita il cliente a raccontare una storia di ostacoli. Non invita alla responsabilità, al senso di responsabilità, alla speranza, ecc. “Il percorso dell’ostacolo”
  11. “Qual è il problema / la questione / la sfida?” Tadaaa: il mio meno preferito. “Il percorso del problema”. Si invita il cliente a descrivere ciò che non si vuole piuttosto che ciò che si vuole: una domanda orientata al passato e al deficit, orientata alla spiegazione. Come Solution Focused practitioner, mi sforzo di fare il contrario: domande orientate al futuro, alle risorse e al progresso.

Se vuoi esplorare queste e altre domande con noi, unisciti a noi per un incontro di coaching e scambio gratuito:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest