Domare le scimmie – Come dire “no” in 5 semplici passi

monkey 980x908 1

Se siete un po’ come me, avete molte cose da fare e probabilmente non sempre la capacità di portare a termine tutto ciò che volete. Che siate un manager, un team leader, una persona che sta a casa per prendersi cura della famiglia, un project leader, qualcuno che dirige una ONG, la maggior parte di […]

Ma lo so! Perché non dovrei dirlo? 4 motivi per non dare consigli

angry business

Di recente ho tenuto un keynote online su “L’arte della conversazione” per un gruppo di circa 50 persone provenienti da tutto il mondo e con background molto diversi. Un aspetto su cui mi sono soffermato è che essere curiosi e fare domande è di solito un modo migliore per condurre le conversazioni che dare consigli […]

Obiettivi ambiziosi per coach

Stretch

Probabilmente avete sentito l’analogia che i leadership trainers usano per descrivere gli obiettivi produttivi: dovrebbero essere come un elastico teso quanto basta per creare una certa tensione. Non devono essere eccessivamente tesi, in modo da spezzarsi, né troppo allentati, in modo da non percepire la tensione tra ciò che è e ciò che potrebbe essere. […]

Può un coach dire “io” durante una sessione di coaching?

I

Recentemente, sul forum di comunicazione per i valutatori MCC si è svolta una conversazione molto interessante sull’uso dell’”io” da parte del coach. Carly Anderson ha sollevato la questione se l’uso dell’”io” da parte del coach fosse accettabile per una registrazione MCC o se fosse mal visto. Gli esempi che ha fornito sono stati: “Capisco la […]

Quando il coach si sente un impostore

shark goldfish

La “sindrome dell’impostore” è un termine coniato alla fine degli anni ’70 e si riferisce all’esperienza di molte donne di alto livello. I ricercatori hanno intervistato un gruppo di donne e hanno scoperto che molte di loro avevano una “esperienza interna di falsità intellettuale”. Non si tratta di una diagnosi, né di una diagnosi dell’ICD […]

Provocazioni nel coaching?

provocative

Un coach può essere provocatorio in una sessione di coaching? È “permesso” secondo gli standard ICF o EMCC? Nelle mie sessioni di coaching con gli executive e anche nella mia pratica di supervisione e mentoring, a volte mi trovo ad agire in modo umoristico e provocatorio. Per esempio, se un mentee sta lottando per essere […]

Cose da non fare quando si fa coaching in ambienti tossici!

toxic

Se avete letto alcuni dei miei blog, sapete che non mi piace realmente etichettare qualcosa o qualcuno e soprattutto non etichettare qualcosa di “tossico”. Solo classificando un ambiente come “tossico”, riduciamo la nostra capacità di essere efficaci in esso. Quindi, credo che il primo passo per fare coaching in un ambiente “tossico” sia cercare di […]

Quando un coach può “guidare” la conversazione

leading the way

Le core competencies di ICF e i marcatori per le valutazioni delle prestazioni di ACC, PCC e MCC richiedono al coach di “collaborare con il cliente”. Ciò che si intende è che il coach non solo considera il cliente come l’esperto della sua vita e del suo argomento, ma lo coinvolge anche nelle decisioni su […]

Quando un coach non dovrebbe ascoltare attivamente

Listening

Naturalmente, un coach deve sempre ascoltare il cliente! Il nostro obiettivo è il cliente, che è al centro della conversazione e merita tutta la nostra attenzione. Una delle cose per cui i nostri clienti ci pagano, tuttavia, è che possiamo riuscire a migliorare l’attenzione del cliente in luoghi potenzialmente utili. Non lo decidiamo da soli, […]