I compiti a casa!

La settimana scorsa, ho scritto sul blog a proposito dei “compiti a casa” e diverse persone meravigliose hanno colto l’opportunità di discutere questa questione nel “Free Coaching Meetup and Exchange” (registratevi qui: www.solutionsacademy.com/registration) — grazie Navneet per averlo raccolto!

Abbiamo usato parte del Coaching Meetup per raccogliere idee per esperimenti che i coach possono invitare i clienti a fare se non riescono a trovare qualcosa da soli. Questi sono tutti esperimenti che non chiedono al cliente di fare qualcosa di specifico sul loro problema, ma gli chiedono di focalizzare la loro attenzione su qualcosa per imparare. Per me, questa è una grande differenza: invitare i clienti a focalizzare la loro attenzione su qualcosa è molto vicino al “coaching” perché nella sessione, in realtà stiamo facendo la stessa cosa con le nostre domande. Quando si invita il cliente ad osservare qualcosa o a focalizzare la sua attenzione su qualcosa, la responsabilità di scoprire le cose o di implementarle è del cliente. Chiedere ai clienti di fare o implementare una specifica azione progettata dal coach è più simile a un “consiglio” e meno al coaching, a mio parere.

Ecco alcuni modi per invitare i clienti a concentrare la loro attenzione su qualcosa di potenzialmente utile (e naturalmente, è il cliente a deciderlo):

Invito all’osservazione

Questo è un classico del Solution Focus. Invitiamo il cliente ad osservare tutto ciò che sta andando nella giusta direzione e a prenderne nota in qualche modo. La prossima sessione possiamo raccogliere tutti i momenti e vedere cosa il cliente stava facendo, pensando o sentendo in modo diverso per imparare.

Ci sono diversi modi di “prendere appunti”:

  • L’esercizio del fagiolo – Il cliente prende 5 fagioli secchi e li mette in una tasca. Ogni volta che qualcosa sta andando nella giusta direzione durante il giorno, lui o lei sposta un fagiolo nell’altra tasca. La sera, il cliente può guardare i fagioli nell’altra tasca e riflettere su ciò che è andato bene. (Grazie a Julia Kalenberg per questo esercizio)
  • Il diario della gratitudine – Il cliente può annotare 3 cose che lo hanno reso grato la sera (grazie a Luc Isebaert per questo esercizio)
  • Barattolo di vetro — Ogni volta che succede qualcosa di buono, positivo, ecc, scrivilo su un pezzo di carta e metti quel pezzo di carta in un barattolo
  • Video / diario fotografico – Scatta una foto con il tuo cellulare o fai un video ogni volta che qualcosa sta andando bene. Questo è particolarmente interessante per i team. Si può creare una cartella su un’unità condivisa dove ogni membro del team può postare delle foto. Nella prossima sessione di coaching del team o nella retrospettiva si può festeggiare! Questo funziona anche con gli screenshot delle riunioni di zoom btw.

Invito a ricordare

A volte i clienti non vogliono dimenticare qualcosa. Ecco i modi in cui alcuni clienti se lo ricordano:

  • Post-It – Questi sono i punti fermi per ricordare se stessi. Basta scrivere qualcosa e metterlo in uno spazio visibile
  • Futureme.org — Un bel sito web dove puoi scrivere un messaggio a te stesso che sarà consegnato alla tua casella di posta elettronica al momento che sceglierai

Invito alla sperimentazione

Se non è super chiaro cosa fare, puoi invitare i clienti a sperimentare:

  • lancio della moneta — La sera si lancia una moneta. Se è testa, si fa una cosa, croce un’altra
  • Futuro casuale — Lancia di nuovo una moneta la sera. Se è testa, fate finta che il miracolo sia avvenuto e che tutto sia stato risolto il giorno dopo e comportatevi di conseguenza.

Quali sono i tuoi preferiti?

Vieni e unisciti a noi per il “Free Virtual Coaching Cafè”:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest