Il mio cliente non ha un argomento!

E quindi? Allora… qual è il problema nel non avere nessun problema? Hm… di solito, direi semplicemente: “Ah — allora, cancelliamo la sessione e per favore fammi sapere 48 ore prima la prossima volta che non c’è un argomento, così non dobbiamo preoccuparci delle spese di cancellazione”.

Tuttavia, a volte i clienti sono inseriti in un “programma di coaching” come parte di un pacchetto, per sostenerli in un programma di sviluppo della leadership, ecc. Per esempio quando un’azienda vuole sostenere un nuovo leader o un alto potenziale nella sua crescita. Queste persone hanno 12 sessioni e ci si aspetta che ne utilizzino una al mese. In queste situazioni, il cliente potrebbe arrivare senza argomenti già anche nella prima sessione. Ecco alcuni suggerimenti che ho spudoratamente rubato ai partecipanti di un “Coaching Meetup and Exchange”.

Generate insieme un argomento

Chiedete tutto ciò che sta andando bene. Il cliente potrebbe voler esaminare una delle situazioni in cui ha avuto successo in modo più dettagliato: “Cosa ha contribuito esattamente?”, “Cosa può imparare?”.

O forse c’è qualcosa che non è andato alla perfezione: “Cosa avrebbe potuto fare diversamente?”, “Come avrebbe voluto reagire?”, “Che differenza avrebbe fatto per lei come leader?”.

Trovate un futuro argomento

Forse il cliente è davvero felice nella sua posizione attuale – si può ancora guardare alle sue ambizioni: “Dove vuole essere tra 5 anni?”, “Di quali competenze avrà bisogno allora?”. E poi potreste creare una lista di argomenti per le prossime sessioni e lavorare sulla preparazione al futuro

Trovate un argomento nell’ambiente circostante

Fatevi dare il permesso di chiedere al manager del cliente, ai suoi colleghi, al suo collaboratore diretto cosa sta facendo bene e cosa potrebbe fare diversamente – forse questo porterà a qualche intuizione. Se è difficile, potete creare una “mappa degli stakeholders” e immaginare le loro opinioni insieme al cliente.

Usare uno strumento positivo

Questa è una delle poche volte nella mia vita in cui ho trovato utile usare uno “strumento”, come il gallup strength finder o il Red Bull wingfinder. In realtà non dicono molto, ma sono ottimi generatori di conversazioni.

Se vuoi unirti a noi per discussioni come questa, vieni ad uno dei nostri “Virtual Coaching Cafè” gratuiti:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest