Live Online Team Coaching: una struttura semplice che puoi usare subito

Molti coach e leader sono stati costretti a spostare il loro lavoro online durante la pandemia globale – alcuni con più esperienza, altri con meno. Ho avuto la fortuna di aver iniziato a lavorare online come team coach e come coach e leader trainer nel 2005, quando nessuno pensava che la formazione e il coaching online fossero possibili. Così ho pensato di condividere una struttura facile che sia il più possibile sicura e di includere tutte le informazioni tecniche in modo che possiate replicarla immediatamente.

Step 1: Contrattazione

Strumenti: Calendly o Acuity (programmazione), Zoom o Microsoft Teams (comunicazione), Mural, Miro, Padlet o Jamboard (brainstorming)

Preparazione:

  • Aprite Mural, Miro, Padlet or Jamboard
  • Creare uno spazio che assomigli a una mappa mentale con il nome della squadra al centro
  • Creare “rami” o spazi per le possibili parti interessate (i clienti del team, altri dipartimenti, il team stesso ecc.)

Riunione di contrattazione

  • Inviate agli sponsor della contrattazione il vostro calendly o il link di acuity per trovare un orario adatto alla riunione.
  • Iniziate la riunione.
  • Presentati (prepara un’introduzione che renda te e gli altri sicuri che tu possa aiutare come team coach) e invita gli sponsor a presentarsi.
  • Chiedete gli obiettivi generali della squadra – cosa devono ottenere nel prossimo anno?
  • Scoprite se sono effettivamente una squadra (interdipendenza, scopo comune, collaborazione) – se non lo sono, non procedere con un team coaching ma trovare una modalità diversa (per esempio, group coaching).
  • Invita gli sponsor al tuo Mural, Miro, Padlet o Jamboard.
  • Chiedi: chi noterà che la squadra sta facendo i progressi desiderati? Inserisci questi gruppi di interesse sulla lavagna.
  • Chiedete: cosa noteranno. Se avete più di uno sponsor nella conversazione per la contrattazione e conoscono lo strumento, potete anche invitarli per un brainstorming in cui producono essi stessi i post it.
  • Prioritizzare: Chiedi agli sponsor di dare priorità – quali sono i 3 cambiamenti più importanti che vorrebbero vedere?
  • Chiedete del team: sono consapevoli dei cambiamenti necessari? Qual è la loro visione del team coaching: lo apprezzeranno? In breve: sono pronti per il cambiamento o hanno bisogno di qualche spiegazione / incentivo? Se il team non è consapevole di un potenziale problema, non essere il messaggero – è difficile sia “creare” un problema e poi offrire di risolverlo. In questo caso fate in modo che siano gli sponsor a “creare il problema”, a comunicare i cambiamenti necessari e i rischi se i cambiamenti non vengono fatti.
  • Ottieni il permesso di intervistare i membri del team sul processo di coaching e crea un invito attraente insieme agli sponsor.

Step 2: Le interviste

Strumenti: Calendly o Acuity (programmazione), Mural, Miro, Padlet, Jamboard (prendere appunti), Zoom o Microsoft Teams (comunicazione)

Preparazione:

  • Crea un invito davvero attraente per il team coaching: presentati, cosa si potrebbe guadagnare dal team coaching, spiega il processo.
  • Invia l’invito ai membri del team.
  • Crea un Mural vuoto, Miro, Padlet per prendere appunti.

Interviste individuali:

  • Presenta il processo, te stesso, la direzione generale del processo di team coaching come previsto dagli sponsor, conferma la riservatezza – non condividerai nessuna informazione che possa essere ricondotta al membro del team.
  • Chi sei tu in questa squadra? Qual è il tuo compito? Da quanto tempo sei membro?
  • Su una scala da 0 a 10, dove 10 è che vieni al lavoro ogni mattina felice e disposto a fare del tuo meglio, dove sei attualmente? Cosa funziona bene, cosa potrebbe essere migliorato?
  • Qual è la tua opinione sugli argomenti che sono stati generati dagli sponsor? Mettili in scala
  • Prendete appunti su ciò che potrebbe essere migliorato e ciò che funziona bene creando dei post it sulla lavagna.
  • Dopo aver parlato con tutti, suddividete la lavagna in argomenti da affrontare in un team coaching.
  • Crea un’agenda per un incontro introduttivo di 2-3 ore di team coaching (più a lungo di solito non va bene – puoi fare due incontri di 2 ore in un giorno, uno al mattino, uno al pomeriggio, ma non fare una maratona di zoom di una giornata intera, non è divertente, non è produttivo per il team coaching).
  • Inviare l’agenda al team (obiettivo: chiarezza sul processo e sugli obiettivi, feedback dalle interviste, generazione di passi successivi sui temi menzionati nelle interviste).

Step 3: Primo meeting

Strumenti: Zoom o Microsoft Teams (comunicazione), Mural, Miro, Padlet, Jamboard (presentazione), Mentimeter (sondaggio)

Preparazione:

  • Ordina il Mural, Miro, Padlet, Jamboard in gruppi di argomenti. Crea un post it “di voto” su cui scrivi il nome dell’argomento.
  • Crea un sondaggio in Zoom o Mentimeter per stabilire le priorità se il tuo strumento di presa di appunti non permette di votare.
  • Crea una mappa mentale vuota (proprio come per la sessione di contrattazione) in Mural, Miro, Padlet, Jamboard.
  • Create a Mural, Miro, Padlet, Jamboard con una scala 0-10.

Meeting:

  • Creare un buon icebreaker (ad esempio condividere lo schermo con immagini divertenti di cani – google: “cani pazzi” e chiedere alle persone di segnare chi si sentono usando la funzione di commento dello zoom o condividere una mappa del mondo e chiedere alle persone di segnare dove sono e dove vorrebbero essere ora).
  • Introdurre l’ordine del giorno e i ruoli.
  • Mostra il tuo Mural, Miro, Padlet, Jamboard con gli argomenti raggruppati dalle interviste.
  • Chiedete ai partecipanti se avete fatto bene o se avete messo qualcosa nei cluster sbagliati (di solito avrete fatto bene, se non è così, è facilmente risolvibile).
  • Chiedete ai partecipanti di dare la priorità agli argomenti usando la funzione di voto di Mural o Miro o facendo un sondaggio in Mentimeter o Zoom se il vostro strumento non ha una funzione di voto.
  • Accertatevi se si tratta di argomenti che possono essere trattati in piccoli gruppi o se ci sono argomenti che devono essere discussi dall’intero gruppo.
  • Iniziate con l’argomento più importante:
    • Usate la stessa mappa mentale della sessione di contrattazione.

Step 4: Follow-up Meeting

Strumenti: Zoom o Microsoft Teams (comunicazione), Mural, Miro, Padlet, Jamboard (presentazione), Mentimeter (sondaggio)

Preparazione:

Tirate su Mural, Miro, Padlet, Jamboard per le azioni suggerite e gli argomenti generali del team coaching

Followup Meetings:

  • Condividete il Mural con le azioni suggerite: cosa è andato bene? Cosa ha funzionato? Quali sono gli ostacoli di cui possiamo occuparci?
  • Condividete il Mural con i temi rimanenti e scegliete il tema da affrontare oggi (in piccoli gruppi o in plenaria).
  • Lavorare su questi argomenti (stessa struttura della prima riunione)
  • Create un altro incontro di follow-up se necessario

Questo è lo schema più breve che posso fare – se hai delle domande, unisciti ad uno dei nostri Virtual Coaching Cafè o prenota il nostro Team Coaching Training per vedere tutto questo in azione.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Subsribe weekly news

Get our latest blogposts.

By subscribing I accept the data policy.